MONTESARCHIO.  

 

 Il nome attuale del comune ha avuto origine nel Medioevo da Mons Arculi o Mons Herculis (data la leggenda che narra che Ercole sia vissuto in queste zone ed abbia ucciso il Leone in una grotta del monte taburno nelle famose 12 fatiche di Ercole) successivamente "montesarculo".

Montesarchio ( Caudium ) - Valle Caudina

COMUNE DI MONTESARCHIO.   

 

Situato 18 km a sud-ovest del capoluogo, nella Valle Caudina, ai piedi del monte Taburno.

 

Il Comune è stato fregiato del titolo di città con il decreto del presidente della Repubblica del 31 luglio 1997.

 

Dominano sulla città il Monte Taburno e la collina, denominata Torre, riprendendo il nome del monumento che da secoli la domina, la Torre di Montesarchio, appunto, vi si erge.

 

Oltre alla torre, la collina ospita un castello e, più in basso sulla collina, le due parti della città vecchia, il lato vetere e il lato novo.

 

La collina domina una vasta pianura dove la città si è espansa negli ultimi decenni. In città si trova anche un piccolo laghetto chiamato "Moccia" (data la sua vicinanza con una fabbrica di mattoni chiamata Moccia) ed un torrente, denominato Tesa, già fiume immissario del Volturno.

 

Inoltre nella periferia vi è un'importante strada comunicazione che conduce sul monte Taburno e ai borghi situati ai suoi piedi, denominata via Vitulanense, in contrada Monaca.  

Montesarchio 82016 - BN - Valle Caudina - ( ex CAUDIUM capoluogo Sannita )

Storia.

 

 

La torre di Montesarchio Il nome attuale del comune ha avuto origine nel Medioevo da Mons Arculi o Mons Herculis (data la leggenda che narra che Ercole sia vissuto in queste zone ed abbia ucciso il Leone in una grotta del monte taburno nelle famose 12 fatiche di Ercole) successivamente "montesarculo".[senza fonte]

 

La zona di Montesarchio, abitata sin dal neolitico, è identificata con la città sannita di Caudium, capitale del Sannio caudino e famoso centro urbano di quei tempi dove commerciavano molti prodotti tipo vasi e altri manufatti dalla "Magna Grecia". distrutta dopo la disfatta della lega sannitica nel IV secolo a.C.

 

Numerose testimonianze archeologiche risalgono all'epoca romana come gli scavi di Caudium, le terme e l'acquedotto romano e le antiche emergenze di località "Masseria Foglia".

 

I romani inoltre costruirono la famosa via "Appia" che collega Roma con Brindisi passando per Benevento (in quel tempo si chiamava beneventum)

 

Sotto la dominazione dei longobardi nacque l'agglomerato urbano chiamato "Latovetere", tipicamente medievale, con le case addossate al castello e alla torre.

 

In epoca normanna, grazie all'incremento demografico, nacque invece il quartiere "Latonuovo".

 

La vista dalla torre di Montesarchio Montesarchio fu possesso feudale dei Della Leonessa o de Lagonissa dal 1278 al 1480, dei Carafa dal 1480 sino al 1528 quando passò ai D'Avalos che la tennero sino alla fine della feudalità nel 1806.

 

Comunque nelle pertinenze di Montesarchio vi erano possedimenti baronali anche di altre famiglie: per esempio al 1669 risultano versamenti fiscali della famiglia d'Alessandro per feudi "sopra Montesarchio e Valle Vitulanonese.

 

Il terremoto del 5 giugno 1688 provocò ingenti danni al comune.

 

La torre del paese fu usata per contenere all'interno un carcere di massima sicurezza al tempo dei borboni. fu rinchiuso anche Carlo Poerio di cui oggi ci sta una lapide con la faccia di Carlo Poerio e una scritta.

 

il castello fu usato per carcere e difesa nel caso il nemico passa sotto la collina il castello è munito di "bocce di leone" dove buttavano olio bollente per "scottare" gli invasori.

 

Dal 1861 fa parte della provincia di Benevento.   

Montesarchio - M. Taburno e Lato Nuovo - Foto Mosca Giancarlo

 

 

IL CASTELLO

 

Edificato per fini militari e di ordine pubblico (nelle sue segrete furono imprigionati numerosi dissidenti politici), oggi il castello è visitabile e ospita il museo archeologico nazionale del Sannio Caudino.

L'evidenza storica dell'utilizzo della struttura come carcere deriva dal rinvenimento di aree adibite a cortili per i reclusi ed esplicite iscrizioni, sui muri, ad opera dei patrioti rinchiusi nelle celle.

Il castello, del quale sono tuttora evidenti gli incassi del ponte levatoio e il fossato di protezione, ha subito numerose modifiche nel corso dei secoli, dall'VIII in poi, periodo nel quale si fa risalire la prima edificazione.

Montesarchio - castello

Allestimento giorno di mercato alle prime luci dell'alba. Foto Mosca Giancarlo

Tramonto - Foto Mosca Giancarlo

Veduta - Foto Mosca Giancarlo

Montesarchio - tramonto - Foto Mosca Giancarlo

Montesarchio - Prima neve - Foto Mosca Giancarlo -

 Torre.

 

La torre di Montesarchio è una struttura militare di origine medievale, oggi adibita a sede del museo archeologico nazionale del Sannio Caudino insieme al castello.

 

All'interno dell'antica torre è esposto "il ratto di Europa", celebre cratere di Assteas.

 

La struttura è visitabile grazie all'impegno di un'associazione di volontari, detta "Sentinelle della Torre", che opera in accordo con il comune e la soprintendenza. 

Torre di origine borbonica e castello medievale, detto anche " lo Spielberg italiano".- Foto Mosca Giancarlo

SEDE COMUNE DI MONTESARCHIO.

 

Ex convento francescano.

 

collegato alla chiesa dedicata a S. Francesco, la cui facciata risulta essere opera dell'architetto Vanvitelli.

 

lo stesso a cui si deve la realizzazione della Reggia di Caserta.

 

Si dice fosse in precedenza sede di un tribunale ecclesiastico dell'INQUISIZIONE.

Cortile interno Comune di Montesarchio - ex convento francescano medioevale e antica sede tribunale ecclesiastico dell'Inquisizione - Foto Mosca Giancarlo -

Veduta panoramica Montesarchio - Foto Mosca Giancarlo

Via Fontanelle - parte storica della città - Foto : Mosca Giamcarlo

P.zza Umberto 1 - e la Statua simbolo della città ERCULES ALEXICACOS - Foto Mosca Giancarlo

Montesarchio di origini Sannite ( ex Caudium ) al centro della Valle Caudina

Montesarchio Valle Caudina -ex CAUDIUM - cittadina orgente sull'antica Via Appia per Benevento - in prossimtà delle Forche Caudine -

Aspetti del Borgo Antico

Un aspetto della parte più antica della città